19 novembre 2010

Tema: che cosa farò da grande

Al mio primo primo anno di università, un giorno di vacanza ero al supermercato con mamy e lì ho incontrato la mia maestra delle elementari, che si è puntualmente informata dei miei studi. Per fortuna mamy è medico, perché c'è mancato poco che non le facessi venire un infarto dicendole che ero iscritta a lettere classiche: credo che il supermercato ancora si ricordi l'urlo della maestra "ma tu odiavi fare i pensierini!!!" E che se lo ricordasse a dieci anni di distanza fa capire quanto tosto debba essere stato riuscire a spremermi quelle poche parole necessarie a farmi prendere la sufficienza - oltre un "Bene" credo di non essere mai andata. Odiavo i temi, con tutto il cuore: non sapevo mai cosa scrivere, ogni idea mia o altrui mi sembrava banale, mi limitavo ai fatti nudi e crudi peggio di Ungaretti tanto che riuscivo a stento a riempire una facciata, scrivendo largo. Chiamavo la maestra "l'impicciona", perché ero convinta che ci facesse scrivere i temi per farsi i fatti nostri. Se ora sapesse che da più di due anni ho un blog, un diario cui può accedere chiunque, un palco dove mettere in bella mostra i miei pensieri più intimi, credo non reggerebbe il colpo.
Alle medie mi sono sbloccata, tanto che nei compiti in classe puntualmente scrivevo due temi, uno in brutta copia e uno, con lo stesso titolo ma con uno svolgimento-stravolgimento che lo rendeva completamente diverso, in bella. Eppure questa etichetta del "non sai (non vuoi?) scrivere" mi è rimasta appiccicata e nonostante la raspa senza pietà ancora me ne ritrovo qualche brandello. "Maestra, sto cercando lavoro come copywriter", già me l'immagino a rotolarsi dal ridere sul pavimento del supermercato.
Cara maestra, con tutta la tua buona volontà di me non hai capito niente: forse neanche Freud ci avrebbe capito qualcosa, ma è un altro discorso.
So che da qualche parte mamy ha conservato religiosamente i miei quaderni delle elementari e sarei curiosa di andare a sfogliarli alla ricerca di qualche briciola dei miei sogni di bambina con i piedi per terra. Non ho mai pensato di diventare ballerina, attrice o veterinaria, non desideravo un negozio di bambole né aspiravo a diventare esploratrice. Banalmente i miei amici dicevano sarei diventata dottoressa, per seguire le orme di mamy, e io, da Pizia qual ero già allora, mi rifiutavo di accettare un destino così scontato.
Paradossalmente, il tempo dei sogni innocenti e infantili sul futuro l'ho vissuto attorno ai vent'anni: volevo diventare, nell'ordine, archeologa, insegnante, storica dell'arte, restauratrice, pasticcera, decoratrice, di nuovo restauratrice, fotografa, grafica pubblicitaria, grafica web, ancora fotografa, insegnante bis, correttrice di bozze, quella che scrive il risvolto di copertina dei romanzi, cuoca e pasticcera, gestrice di un B&B in montagna, critica d'arte, ricercatrice per cataloghi d'arte e mostre, correttrice di bozze ed editor...uhm, lasciamo stare le crisi mistiche ché è meglio, e direi che siamo al completo. (Sospiro)
Bel minestrone, eh? Forse è il caso che dica alla mia zelante segretaria di cambiare marca d'alloro per i suffumigi. Certo che se guardate bene un filo comune, ovviamente viola, che lega tutte le mie aspirazioni c'è: la creatività e la ricerca del bello, nonché la curiosità sempre vivace e qualche volta un po' scomoda. Non sono mai sazia d'imparare e le mie due lauree ne sono una prova: in tanti mi hanno chiesto a quale facoltà mi iscriverò adesso e io rispondo "ingegneria informatica". Sarei anche capace di farlo e se un giorno saranno le università a pagare gli studenti, non il contrario, potrei anche pensarci seriamente.
Forrest Gump diceva che la vita è una scatola di cioccolatini: per me è un bancone di pasticceria. Sono lì davanti per scegliere il mio dolce preferito, solo che golosa come sono, non mi accontento di sparare a caso, scegliendo tra le paste che già conosco: voglio assaggiarle tutte, perché magari ce n'è una buona che non ho mai provato. So per certo che lascerò da parte le millefoglie e i cannoli che non mi piacciono più di tanto, e che comunque alla fine mi dirigerò sui bignè allo zabaione: ma visto che ci sono, perché non approfittare?

5 responsi:

Gisella ha detto...

.....Poversa maestra...un fallimento! Complimenti a te invece...che sei davvero super! Baci...questa mattina ti ho spedito la mia piastrellina all'uncinetto! Baciotti Gisella

katiu ha detto...

Io credo che nella vita non ci si debba mai accontentare di ciò che si conosce già, ma che vadano sempre esplorate nuove vie, nuove zone, nuove persone.
Perchè mangiare sempre il gianduiotto quando magari un mon chérì potrebbe essere migliore?

Non abbandonare i tuoi obiettivi, seguine il filo: da qualche parte ti porteranno!

(n.b.: pensa che io invece a scuola scrivevo pagine e pagine e pagine di temi e direttamente in bella ..)

Demart ha detto...

Anch'io da bambino e ragazzino ho odiato i temi; la professoressa di italiano del ginnasio in quarta diceva che ero "stitico", in quinta (quando iniziai a scrivere papiri che manco Giancarlo) diceva che avevo "la sciolta" :D
Ora scrivo taaaaaaaanto, ma solo se sono ispirato (se tutto mi va bene l'anno prossimo-fra due anni vedrai comparire un libro con il mio nome, o se non lo vedrai comparire te lo spedirò).

Anonimo ha detto...

e io che vorrei fare la maestra .......
quello e un sogno nel cassetto.. ancora sono piccola per decidere pero so che è il mestiere adatto a me postatevi sul vostro sogno e non abbandonatelo mai fidatevi di me
comunque la lettura non parlava del titolo che ho cercato :
cosa farò da grande ciao ciao

Pythia ha detto...

Cara Anonima futura maestra, continua a credere nel tuo sogno! Buona fortuna :-)

PS: qui si va fuori tema spesso e volentieri!

Posta un commento