16 settembre 2009

Vampiri&C: True Blood

Ieri ho iniziato a guardare, in ritardo, la serie televisiva True blood, ispirata ai romanzi di Charlaine Harris: sono curiosa di sapere chi sono i cancari che hanno montato lo spot per Scai, dato che a vederlo la serie sembra una enorme cavolata fatta di canini finti e sesso, sesso, sesso.
I canini (che sembrerebbero più incisivi laterali superiori, vista la posizione) sono effettivamente osceni: anche se nei romanzi si dice che crescano e si ritraggano spontaneamente, come effetto speciale sembrano fin troppo falsi.
Il sesso è presente anche nei libri della serie, anche se ha un suo perché e non è esplicito come invece lo sono certe scene ai limiti della pornografia proposte sullo schermo: trovo siano estremamente fastidiose oltre che immotivate. La scena di apertura del primo episodio, per esempio, mostra una ragazza al volante di un pick-up che annoiata dalla guida decide di fare un lavoretto di mano al suo ragazzo addormentato sul sedile del passeggero: evidentemente il regista non sapeva come riempire quel minuto iniziale.
A parte il montaggio un po' grezzo e alcuni personaggi così calati nella parte da risultare ridicoli, tutto sommato il telefilm non è malaccio: fedele al romanzo, pur se con qualche modifica non eccessivamente fastidiosa, ha un buon ritmo considerando che trasforma 350 pagine in 12 episodi di un'ora circa.

Aggiornamento.
(In realtà volevo scrivere un post nuovo, ma poi Cotton si arrabbia :-P )
Finita la serie, è necessaria una rettifica: dopo i primi episodi decenti, il resto è stato un crescendo di banalità e assurdità.
Jason, il fratello di Sookie, è un emerito idiota: nel libro è solo sfigato, qui fa la parte del deficiente, un orrore.
Tara, migliore amica della protagonista, personaggio presente solo nella serie tv, ha seri problemi in testa: altro che esorcismo, le ci vorrebbe un bel paio di ceffoni - e lo stesso a sua madre.
L'evolversi delle vicende di Bill non stanno in piedi e ho il sospetto che siano state pensate solo per introdurre una bella (oca) in più.
Sookie, la ciliegina sulla torta: di per sé non sarebbe male, se non fosse per quella fastidiosissima abitudine di scuotere la testa a mo' di maracas ogni volta che parla, dopo un po' vien la nausea. E preferisco sorvolare su quegli occhioni da cucciolo che sgrana così tanto che ci si aspetterebbe di vederli schizzare fuori dalle orbite.
Voto compessivo: 5.

5 responsi:

Chiara ha detto...

A me il telefilm non era discpiaciuto.
Certo che alcuni cambiamenti potevano evitarli...ma hai visto solo la prima puntata perciò non faccio spoiler.
E come al solito in lingua originale è tutta un'altra cosa...la voce di Sookie in italiano è orribile!
Anche l'attrice non mi piace molto nel ruolo...ma oh...han scelto lei..

Ale ha detto...

come di dice in gergo, a me per ora pare una cazzata...

Cotton ha detto...

Ma da quand'è che ti ha preso questa vampiromania? Questo blog sembra diventato la biblioteca di Van Helsing !

Ale ha detto...

Da quel poco che ho sbirciato la seconda serie sembra diretto da Tinto Brass!

Pythia ha detto...

@Cotton: LOL!!!
La mania dei vampiri ce l'ho da quando avevo 18 anni, vedi tu ;-)

Posta un commento