2 agosto 2010

La donna senza sonno

L'insonnia è una brutta bestia, e io me la porto dietro da quando ero piccola. Assurdo, no? Di solito si dice "dormire come un bambino", io invece mi passavo delle intere notti in bianco.
Succedeva in estate, vuoi per il caldo, vuoi per le zanzare, vuoi per il pensiero fisso "devo dormire" che tiene il sonno lontano anni luce.
Anche papy soffre di insonnia, si vede ho preso da lui. Qualche volta si stendeva sul mio letto e solo ad averlo vicino mi tranquillizzavo e mi addormentavo di brutto.
Altre volte era un inferno: sentivo di avere così tanto sonno da star male, eppure mi trovavo con gli occhi spalancati sulla notte. Piangevo, all'inizio in silenzio, poi soffocando le urla di rabbia nel cuscino. Allora arrivava papy e mi portava in salotto a fare un giro. Mi diceva di ascoltare i rumori della notte, di provare a distinguere le auto dai camion sull'autostrada, che pur lontana a quelle ore si sentiva fino a casa nostra. Poi mi riportava a letto, e il sonno arrivava.
Il lato bizzarro di quelle notti in bianco era che non avevo nessun motivo plausibile per non riuscire a dormire: niente incubi, niente stress (dannazione, era estate! La preoccupazione maggiore era trovare un nascondiglio perfetto per le partite di nascondino serali).
Ora che sono cresciuta, le notti in bianco si sono fatte molto più rare, e sicuramente più motivate: esami, lavoro, partenze con l'aereo (puntualmente sogno di arrivare in ritardo: e l'unica volta che non l'ho sognato, sono arrivata davvero tardi -.- ), tesi, pensieri vari.
Questa è una di quelle. Forse dovrei dire "è stata", visto che ormai è giorno fatto.
Mi sono messa a letto poco dopo le undici e mezza, neanche tanto tardi per i miei gusti, ma ero decisamente scombussolata per la visione delle ultime due puntate di Grey's Anathomy che si sono rivelate disastrose per i miei nervi nonché per il braccio di Apollo, stritolato dalla mia mano, e per il pensiero di come mi sono lasciata turlupinare lo scorso venerdì. La valeriana non ha fatto il suo lavoro, come nemmeno l'ultimo racconto che mi restava della raccolta di Neil Gaiman "Il cimitero senza lapidi e altre storie nere" - racconto tutto da ridere, tengo a precisare: non sono così folgorata da leggermi una storia dell'orrore sapendo di avere già i nervi a fior di pelle.
Dopo un quarto d'ora passato a girarmi nel letto come una cotoletta, riaccendo la luce e prendo in mano un libro nuovo: leggo una decina di minuti, poi ritorno sotto le lenzuola.
Credo di aver dormito una mezz'oretta, poi mi sono svegliata in un bagno di sudore: il termometro della sveglia segnava 25,5°. E io sudavo come se ce ne fossero dieci in più.
Mi alzo e prendo il ventilatore. Dopo un po' inizio a sentire freddo, così mi copro. Dopo un altro po' l'aria mi dà fastidio, così spengo il ventilatore.
Ridendo e scherzando, sono arrivate le tre e venti.
Decido di distrarmi, leggo un altro po'. Spengo la luce e cerco di pensare a tutto tranne che a Grey's Anathomy, all'Enel e al sonno.
Ancora nulla, e sono le quattro passate.
Di intossicarmi di valeriana non ne voglio sapere, di farmi una camomilla idem - non ha senso bere una tisana che sì ti fa addormentare, ma pure ti costringe ad alzarti tre volte per andare alla toilette.
Conoscendo la mia mente malata abbastanza da sapere che anche se i miei pensieri coscienti non riguardavano l'Enel, in realtà erano proprio questi la causa della mancanza di sonno, ho deciso di anticipare quello che avevo in programma per la giornata: cercare l'indirizzo cui inviare la disdetta del contratto appena firmato. Perché ovviamente nel contratto non c'è.
Accendo il pc, mi collego a internet e comincio a ravanare nel sito: ho forse trovato l'indirizzo? No, perché ti rimandano all'agente di zona. Mi sa che tra un po' la signorina verrà svegliata da una telefonata particolarmente mattiniera XD
E poi, sempre più sveglia, ho sistemato un po' di e-mail, un paio di questioni relative a Wikipedia, risposto a Demart nel post precedente, finché è arrivata l'alba.
Sono vispa come un grillo, gli occhi giusto un po' pesti, ma nessuno sbadiglio, neanche appena abbozzato.
Avrei dovuto forse prendere in mano la tesi: sono sicura che mi sarei addormentata in direttissima, con la faccia spiaccicata sulla tastiera e una poco signorile bava da sonno che scivola lenta ma inesorabile sugli appunti.

6 responsi:

Demart ha detto...

Posso darti il numero del mio ufficio postale? Domani mi scade la bolletta del telefono e non me l'hanno consegnata. Ho telefonato per fare un cazziatone e mi ha risposto un maleducato che mi ha trattato con aria di sufficienza con vari "ma lei che cosa vuole?" ed "e io che ne so?", poi mi ha passato il postino che ha detto che è stato in ferie. I postini vanno in ferie e la posta non viene consegnata... Oggi chiamo l'avvocato, se fa studio si beccano una denuncia.

katiu ha detto...

Io fortunatamente non ho mai sofferto di insonnia. Sia da bambina che anche ora, basta che appoggi la testa sul cuscino e dormo, in ogni posizione. Sul letto, sul divano, sulla sedia .. e non c'è problema che tenga: posso avere il problema più grosso dell'universo che mi attanaglia ma riesco a dormire beata e tranquilla come niente fosse. Al massimo mi sveglio prima al mattino, ma dopo una bella dormita.

Però so cosa vuol dire soffrirne: un mio caro amico è come te :)

Ale ha detto...

meno male che ho dormito a casa allora... :D
anche se ci ho messo anche io un po' prima di prendere sonno. solo che sono un po' più abituato di te a dormire 5 ore x notte ;)
vuol dire che la prossima volta che guardiamo certe cose alla tivù ti preparo anche un bel tazzone di camomilla feat. valeriana così sei già pronta!

SMACK

giuseppina ha detto...

Ciao, sono sveglia da molte ore e girovagando ho trovato te. Soffro d'insonnia...dalla nascita (ho55 anni) e quando le mie figlie erano piccole mi stupivo che dormissero così tanto. Il periodo peggiore era l'estate, leggevo e rileggevo tutti i libri di casa, la tv finiva i programmi ben presto, ricordo ancora con angoscia quella musichetta che segnava l'inizio del mio incubo quotidiano, per fortuna ora ho il pc portatile, tante stanze a mia disposizione e...l'aria condizionata. Ti metto tra i preferiti così ti vengo a tenere compagnia di notte!

Pythia ha detto...

Benvenuta Giuseppina! Vedrò di impegnarmi a scrivere qualche bel post soporifero, magari ti concilio il sonno ;-)
...ma non è che leggendo i miei svarionamenti poi ti fai gli incubi? XD
Bacix

giuseppina ha detto...

Sono ancora qui a leggere, ma partendo dalla fine e procedendo a ritroso. Sembri la mia fotocopia giovane, pensavo fossi del segno del cancro, come me, ed invece no. Come possiamo essere, mi chiedo, così simili? Ho deciso di trascorrere questa mattinata a leggere tutto il tuo blog, ammazza quanto scrivi, però le parole scivolano via leggere e piacevoli, ciao!

Posta un commento